Paolo Gangini Blog's


Mi piace sentire il silenzio della foresta che cresce…

Archive for the ‘Di tutto un po’’


Torna Roger!

 

Annunciato il sequel di
Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Finalmente un film “col flit”!

Rivedremo Jessica?

“Non sono cattiva. Sono gli altri che mi disegnano così…”

🙂

 

Quadrupedi a Verona…

Rilancio “La posta della Olga” pubblicata da Gonzato su L’Arena di oggi…

«Quando la gente comune va alla “Fieracavalli” (apro una parentesi: una volta, quando eravamo stupidi, la chiamavamo “Fiera dei cavalli” mentre oggi che siamo intelligenti, grazie ai maestri della grafica pubblicitaria uniamo i sostantivi e buttiamo via le preposizioni che, oltre a non servire a niente, ci farebbero sprecare el fià inutilmente)», scrive la Olga, «ci va per vedere i cavalli: i nonni ci portano i neodìni perché raramente i butìni al giorno de ancó vedono un cavallo e poco conta se i neodìni invece di chiamarlo “cavàl” lo chiamano “nóno”, basta che non crescano con l’idea che ànca el nóno el màgna el fién. Le gente comune, dicevo, va in fiera per vedere cavài e mussi, mentre i politici ci vanno per védarse tra de lóri e farsi fotografare. La gente comune schìva i petolòti mentre i politici ci vanno dentro perché la politica è fatta di petolòti e schivàrli vorrebbe dire sottrarsi al proprio dovere di politici». (continua)

17 novembre: giornata di tutela del gatto nero.

GattoNero1Sono i gatti di colore nero e ogni anno, secondo l’AIDAA (Associazione italiana difesa animali ed ambiente) ne vengono sterminati 60 mila esemplari, di cui almeno 7.000 in Lombardia e dai 1.200 ai 1.500 esemplari nelle sole provincie di Milano, Roma e Torino. Per l’AIDAA e’ ora di dire basta e ha deciso di istituire la giornata di ‘tutela e dignita’ dei gatti neri’. L’idea e’ quella di celebrare ‘il gatto nero day’ il 17 novembre di ogni anno con un convegno che presenti i dati del lavoro fatto da AIDAA e da tutte le altre associazioni animaliste, ma anche premiando coloro che in qualche modo si dedicano alla cura ed alla salvezza dei gatti neri. La scelta del 17 novembre – spiegano i promotori – ha due motivi, il primo e’ legato al giorno 17 che insieme ai gatti neri rappresenta nella mente dei superstiziosi il simbolo della sfortuna. Il secondo e’ la scelta del mese di novembre, in contrapposizione alla notte di halloween che si celebra nello stesso mese, il giorno in cui le uccisioni di gatti neri raggiungono il loro apice.