Paolo Gangini Blog's


Mi piace sentire il silenzio della foresta che cresce…

Archive for the ‘Di tutto un po’’


‘na tazzurella e cafè

tazzurella.jpgEcco, ci risiamo! Ora ci si mette anche la Cassazione a discutere sul nostro inviolabile diritto al caffè durante l’orario di lavoro, alla necessaria pausa sigaretta… anche fuori dallo stabile in cui si lavora. Penso ai tanti lavoratori di enti ed istituti pubblici… dovranno fare attenzione ad “itinere” troppo: l’INAIL non li copre!

ROMA – Sì alla pausa caffè ma solo per un minutino. Altrimenti il lavoratore non è coperto per eventuali infortuni durante il percorso per raggiungere il posto di lavoro. E’ quanto affermato dalla Corte di Cassazione che, con la sentenza 15973, ha dettato un vero e proprio Abc delle pause tollerate, quelle, cioè, che obbligano il datore e l’Inail a risarcire il dipendente in caso di infortunio in itinere.
continua a leggere sul sito del Corriere della Sera

La colpa non è mai della Natura

Sembra impossibile ma, a ondate regolari, i nostri giornali e telegiornali se la prendono con la Natura e non con chi l’ha e la sta tutt’ora maltrattando. Se non capiamo questo, se non troviamo tutti, assieme, un rimedio, rimangono solo alcune voci fuori dal coro come l’articolo di Mario Tozzi pubblicato sul Corriere della Sera….

Qui solo un cenno:

Le catastrofi naturali non esistono. Se non si comprende questo assunto fondamentale che regola i rapporti fra uomini e pianeta Terra, non è neppure possibile criticare lo spirito, più che la lettera, delle centinaia di atti pubblici che in Italia hanno mandato assolti gli uomini quando la natura ha dato segno di sé. Senza entrare nel merito delle sentenze, ci si domanda come mai in questo Paese la colpa delle conseguenze catastrofiche degli eventi naturali sia sempre del caso o della natura. E come mai, negli altri Paesi moderni, terremoti di magnitudo simile provochino meno vittime che da noi.

…continua la lettura dell’articolo…

Mi è piaciuta e la riporto…

Alla fine di un documentario televisivo, il commentatore concluse con una frase di un poeta senegalese che mi segnai su un foglio. Ho ritrovato il foglio e voglio condividere la frase con voi…

Alla lunga conserveremo solo ciò che amiamo,
ameremo solo le cose che comprendiamo,
comprenderemo solo ciò che ci insegneranno.