Paolo Gangini Blog's


Mi piace sentire il silenzio della foresta che cresce…

Archive for the ‘Di tutto un po’’


Finanza creativa e solidale: i Pizza-Bond!

 

Ventimila dannatissimi euro.
È questa la cifra che serve ai Contadini&Cucinieri per pagare i debiti derivati dall’apertura e l’allestimento del nuovo bar.

Dallo scorso dicembre, infatti, la cooperativa Contadini&Cucinieri ha rilevato il punto di somministrazione cibi e bevande all’interno del suggestivo parco di Villa Buri, trasformandolo in un bar-ristorante bio-equo-solidale-locale-vegetariano.

L’operazione ha un costo piuttosto imponente, per la giovane cooperativa: Lavori di allestimento, acquisto di macchine e oneri burocratici non sono affrontabili con l’ordinaria gestione del bar,sostiene Virna dei Contadini&Cucinieri, e vorremmo continuare a non usare denaro delle banche, per motivi sia economici che etici”.

Continua la lettura ed approfondisci la faccenda  sul sito “Contadini&Cucinieri”

La città che non c’è più…

Un altro pezzo di Verona che se ne va è il Teatro Laboratorio di Ezio Maria Caserta che si trova nelle vicinanze di Ponte Pietra.
Luogo di teatro “d’avanguardia” e non solo, ha accompagnato negli anni ’70-80 quei giovani che cercavano a Verona quel teatro che più si allontanava dai canovacci di Goldoni, spesso proposte nei cortili e chiostri veronesi nel periodo estivo.
In particolare ricordo alcune tragedie greche ed alcuni performance di mimo seguite assieme a qualche amico/amica che, ricercava, per quanto possibile a Verona, occasioni di cultura alternativa.
Ora, sembra, tornerà ad essere quello che era molti molti anni fa: la stazione di partenza della funivia per Castel San Pietro. Sarà vero?

E se la smettessimo di fare comizi?

Ora, capisco che ai leghisti sia concesso (e sempre) “spararla grossa” per poi, chiaramente, rettificare quanto detto, ma se si comportano allo stesso modo anche ministri di altri schieramenti siamo proprio alle comiche finali…

Dobbiamo rinunciare ad una quantita’ di regole inutili: siamo in un mondo dove tutto e’ vietato tranne quello che e’ concesso dallo Stato’. Lo ha detto il ministro dell’Economia Tremonti, ieri al Berghem fest, sottolineando che ROBE COME LA 626 SONO UN LUSSO CHE NON POSSIAMO PERMETTERCI.
L’Ue e l’Italia si devono adeguare al mondo.”

Fonte : ANSA

Fate i seri, please. Ne va del nostro futuro.