Paolo Gangini Blog's


Mi piace sentire il silenzio della foresta che cresce…

Archive for the ‘Il paesello’


A Bovolone, ritentar non nuoce!

BiblioArena13Feb2013

La “mia biblioteca civica” oggi prova per la seconda volta ad aprire in orario serale per dare la possibilità ai cittadini che per motivi di lavoro o di possibilità, normalmente non possono accedere ai servizi offerti causa incompatibilità di orario.

Ci aveva già provato qualche anno fa l’assessore Rino Maestrello garantendo per un certo periodo l’apertura nella serata di mercoledì, ma la proposta non ha poi avuto seguito causa forse, la poca affluenza di avventori.

Ci riprova ora, con tenacia e caparbietà, aiutato anche da alcuni giovani volontari, l’assessore Tiziano Vicentini, proponendo l’apertura nella serata di venerdì iniziando da questa sera dalle 20,30 alle 23,00.
Il progetto non prevede la mera apertura dei locali ma vuole essere occasione di incontro e proposta di tutte quelle realtà sociali e culturali di cui il territorio bovolonese è fortunatamente ricco.
Insomma, unire il classico servizio bibliotecario fatto di consultazioni, letture, prestiti, ricerche, internet gratuita ecc. con la possibilità di assistere a proposte di carattere culturale e, perchè no, anche non culturali ma di socializzazione ed incontro.

Si avvererebbe quindi un mio sogno di quando nel 1993, giusto vent’anni fa, con Luca, Fabio ed altri amici, dotammo Bovolone di una meravigliosa struttura che merità di essere utilizzata al 100%.

Ora la sfida è mantenere attivo il servizi: andiamoci, portiamoci i nostri ragazzi, facciamo in modo che il servizio venga visto dai sicuri detrattori che ci saranno, come UTILE e non venga soppresso dopo un primo periodo di prova.

Forza ragazzi, tieni duro Tiziano … e tanti, tantissimi auguri per questo nuovo vostro progetto!

Ricordando Mario Donadoni

Grazie alla disponibilità della redazione della rivista mensile bovolonese “La Rana” e dell’amico Francesco siamo riusciti a pubblicare un articolo che ricorda il poeta letterato bovolonese a cui io sono legato per quanto ho potuto effettuare in passato quando, sicuramente, ero molto più attivo sia nel paesello che sul fronte socio-culturale.

Le Pro Loco sono una ricchezza!

Dal giornale L’Arena di oggi, pagina 22.

Anche il presidente della Regione Veneto Luca Zaia sostiene la proposta di legge di iniziativa popolare delle Pro loco italiane, ricordando che «la promozione che si è fatta in questi anni di grandi eventi come dei prodotti tipici, spesso parte proprio dal lavoro delle Pro loco».
«Pensate a quanti volontari nel nostro Veneto si impegnano quotidianamente per la promozione dei loro territori e dei loro prodotti» ha aggiunto Zaia. «L’ente pubblico crede fortemente nel loro lavoro e, nonostante le ristrettezze economiche, continuerà a sostenerli: le Pro Loco sono un valore per le nostre comunità». (…)

Ho avuto modo di collaborare per anni, non solo con l’associazione Pro Loco di Bovolone, ma anche con il raggruppamento provinciale UNPLI (Unione Nazionale Pro Loco Italiane) e de vo dire che sempre anche se magari con sfaccettature diverse, ho trovato collaborazione.
Con loro ho collaborato come amministratore comunale, poi come socio, poi come responsabile di gruppi ed associazioni culturali locali insomma, ho avuto modo di pormi in relazione con loro da più di una posizione…
Per questo non riesco a capire per quale motivo una amministrazione comunale come quella di Bovolone possa andare il lite con tale associazione. D’accordo, il direttivo potrebbe essere formato in maggioranza da persone che non sono della stessa “estrazione” politica, ma che c’entra la politica con il fare per il paese?
Caro sig. Fagnani, capisco le sue difficoltà ad amministrare un paese non solo diviso socialmente ma anche dove alcuni in maniera scientifica seminano zizzania, ma perchè chiudere il dialogo in questo modo? Faccia una scelta coraggiosa: trasformi l’associazione BovolonePromuove in ente fiera (magari con un buon 30-40% di presenza di soci privati) e lasci la promozione del territorio a chi per statuto lo deve fare! Lo dice anche il “suo” governatore di Regione. 😉